X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Il datore non perde la titolarità passiva dell’obbligazione sul pagamento del TFR

Il dipendente è legittimato a presentare domanda di ammissione allo stato passivo del datore fallito per le quote non versate al Fondo di Tesoreria

/ Silvano IMBRIACI

Lunedì, 22 luglio 2019

Il Fondo di Tesoreria, di proprietà statale ma gestito direttamente dall’INPS, è stato istituito dalla L. n. 296/2006 (art. 1, comma 755), con lo scopo specifico di erogare il TFR maturato dal lavoratore a far data dal 1° gennaio 2007 nelle aziende del settore privato che abbiano alle proprie dipendenze almeno 50 dipendenti quando non sia devoluto a forme di previdenza integrativa (circ. INPS n. 70/2007).

Per tali aziende l’accantonamento delle quote di TFR da versare al Fondo è obbligatorio; in ordine alle modalità e alla disciplina dei versamenti si applicano le disposizioni in materia di accertamento e riscossione della contribuzione previdenziale obbligatoria.
In via ordinaria, mentre il soggetto tenuto all’erogazione delle prestazioni (anticipazioni e TFR) è il Fondo di

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU