X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Possibili cambiamenti con il nuovo board della Bce

Con l’uscita di scena di Draghi gli oppositori della politica ultraespansiva potrebbero avere una chance per ricalibrare l’orientamento dell’istituto

/ Stefano PIGNATELLI

Venerdì, 4 ottobre 2019

Mario Draghi lascia la guida della Bce a fine ottobre e la sua uscita di scena offre potenzialmente agli oppositori della linea ultraespansiva sempre promossa dal presidente la chance di ricalibrare l’orientamento dell’istituto centrale, a partire dalle discussioni ai vertici.
La nuova Presidente, Christine Lagarde, si troverà a lavorare con un consiglio esecutivo a sei quasi interamente rinnovato. I principali sostenitori del primo pacchetto di stimolo varato da Draghi non sono infatti più in carica o stanno per terminare il mandato.

Il primo vero test per capire l’orientamento si presenterà l’anno prossimo, quando la Bce sarà prossima ad aver sottoscritto oltre un terzo del debito pubblico tedesco, limite oltre cui le attuali regole del Qe non consentono di salire. È

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU