X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 20 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Specialità reciproca tra infedeltà patrimoniale e appropriazione indebita

L’ambito di interferenza tra le due fattispecie è dato dalla comunanza dell’elemento costitutivo della deminutio patrimonii e dell’ingiusto profitto

/ REDAZIONE

Venerdì, 4 ottobre 2019

La Cassazione, nella sentenza n. 40446/2019, ha precisato che, per la sussistenza del reato di infedeltà patrimoniale (di cui all’art. 2634 c.c.), occorrono:
- la ricorrenza, in capo all’amministratore, di un interesse in conflitto con quello della società;
- la “deliberazione” di un “atto di disposizione” di beni sociali;
- un evento di danno patrimoniale intenzionalmente cagionato alla società amministrata;
- il fine specifico – in capo all’agente – di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o altro vantaggio (cfr. Cass. n. 37932/2017).
Si tratta, infatti, di un reato d’azione con evento di danno nel quale la condotta materiale consiste nel compiere o concorrere a deliberare “atti di disposizione” di beni sociali.

Le norme incriminatrici ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU