X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 13 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Alloggio di servizio al lavoratore solo se svolge attività di portierato

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 18 ottobre 2019

Solo il portiere di uno stabile condominiale ha diritto a godere di un alloggio di servizio, ed è tale chi presta la propria opera per la vigilanza, la custodia e, eventualmente, la pulizia degli stabili. Non può invece qualificarsi come portiere il lavoratore che, con rapporto continuativo, presti principalmente la propria opera per la pulizia dell’androne, delle scale e degli accessori, con esclusione del servizio di vigilanza e custodia.

Tale principio, affermato con la sentenza della Cassazione n. 801/70, è stato da ultimo ribadito con la più recente pronuncia n. 24970/2019, riguardante il caso di un condominio che aveva concesso a una lavoratrice inquadrata nel livello B5 del CCNL per i dipendenti da proprietari di fabbricati un immobile di proprietà comune mediante la stipula di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU