X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 20 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Strumenti per rilevare le presenze da adottare solo se prescritto da organi ispettivi

La rilevazione automatizzata dell’orario effettivo di lavoro dovrebbe però passare da facoltà a obbligo a seguito della causa C-55/18 della Corte Ue

/ Noemi SECCI

Venerdì, 11 ottobre 2019

In base al DL 112/2008, conv. L. 133/2008, la generalità dei datori di lavoro del settore privato è obbligata a istituire e tenere il libro unico del lavoro (LUL), nel quale sono iscritti tutti i lavoratori subordinati, anche distaccati o in somministrazione, i co.co.co., nonché i lavoratori a domicilio.
Sono diversi i dati da inserire all’interno del LUL. Per quanto riguarda nello specifico la sezione delle presenze, devono essere indicate per ogni giornata le ore di lavoro effettuate, le ore supplementari e di lavoro straordinario, le assenze (anche non retribuite), le ferie, i permessi e i congedi. Dalla sezione presenze non è però possibile controllare se il lavoratore abbia beneficiato in modo effettivo delle pause intermedie e dei riposi giornalieri. L’unica modalità per verificare ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU