X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 22 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La trasmissione dei modelli DM10 può provare le omesse ritenute previdenziali

Anche il reato continuato configura un’ipotesi di «comportamento abituale», ostativa al riconoscimento della particolare tenuità

/ Stefano COMELLINI

Giovedì, 12 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il presupposto del reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali, previsto all’art. 2 comma 1-bis del DL 463/1983 conv. L. 638/1983, è dato dal pagamento delle relative retribuzioni al personale dipendente, la cui sussistenza, quale elemento costitutivo della fattispecie, deve essere provata dalla pubblica accusa.

Tuttavia, in forza di un consolidato orientamento giurisprudenziale richiamato dalla Cassazione con la sentenza n. 50002 depositata ieri, l’onere incombente sul pubblico ministero di dimostrare l’avvenuta corresponsione delle retribuzioni ai lavoratori dipendenti ben può essere assolto sia mediante il ricorso a prove documentali testimoniali sia attraverso il ricorso alla prova indiziaria, ivi compresa la presentazione da parte del datore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU