X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

LAVORO & PREVIDENZA

Niente sanzioni al datore incolpevole se non assume categorie protette

L’assoggettamento a sanzione presuppone un comportamento doloso o colposo; non basta l’effettiva mancata copertura della quota di riserva

/ Simona SALIS

Giovedì, 20 febbraio 2020

La L. 23 marzo 1999 n. 68, oltre all’obbligo di assunzione dei lavoratori disabili (ex art. 2), introduce all’art. 18 anche l’obbligo per i datori di lavoro (pubblici e privati) con più di 50 dipendenti di assumere lavoratori appartenenti a categorie protette (l’1% del totale): orfani e coniugi superstiti di coloro che siano deceduti per causa di lavoro, di guerra o di servizio, ovvero in conseguenza dell’aggravarsi dell’invalidità riportata per tali cause, nonché coniugi e figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro e dei profughi italiani rimpatriati, il cui status è riconosciuto ai sensi della L. 763/81.

Dopo aver individuato i presupposti per l’insorgenza dell’obbligo di assunzione di soggetti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU