X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

IL PUNTO / FISCALITÀ INTERNAZIONALE

La giurisprudenza apre sul credito per imposte estere in caso di dichiarazione omessa

Alcune Commissioni ammettono la detrazione in assenza delle formalità di legge

/ Emanuele LO PRESTI VENTURA

Mercoledì, 19 febbraio 2020

La possibilità per i contribuenti residenti in Italia di scomputare dall’IRPEF o dall’IRES la tassazione subita oltreconfine sui redditi conseguiti all’estero si confronta con l’art. 165 del TUIR e con le numerose condizioni ivi previste: tra di esse, spicca la duplice richiesta, riportata in modo assai tranchant al comma 8 della norma, secondo cui la persona deve aver presentato la dichiarazione dei redditi e deve altresì aver indicato in essa quelli prodotti al di fuori del nostro Paese.

In difetto di tali requisiti, la perdita del credito fiscale, pur sancita in diverse occasioni (cfr. C.T. Reg. Milano 15 luglio 2016 n. 4232/19/16), non è scontata alla luce di taluna giurisprudenza, volta ora a prestare attenzione a quanto contemplato a livello di accordi internazionali ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU