X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 5 aprile 2020

FISCO

IVA per servizi infragruppo indetraibile se non è provata l’inerenza dei costi

La Cassazione si rifà a un concetto di inerenza «quantitativo» e «utilitaristico», mutuato dalla disciplina delle imposte dirette

/ Sara BERNARDI

Mercoledì, 26 febbraio 2020

L’IVA assolta in reverse charge dal soggetto passivo residente sui costi per servizi infragruppo resi da soggetti esteri è indetraibile, laddove non sia provata l’inerenza degli stessi.
Sebbene non sia contestata la regolare effettuazione dell’inversione contabile, e la neutralità delle operazioni, “la mancanza dei presupposti sostanziali, relativamente alla prova dell’effettività ed inerenza dei costi, ove accertata, renderebbe indetraibile l’IVA ad essi relativa”.
A queste conclusioni perviene la Cassazione nella sentenza n. 3599 del 13 febbraio 2020, la cui decisione – a conferma di quella del giudice di seconde cure – si basa sulla considerazione che non sia stato sufficientemente assolto l’onere probatorio in ordine a costi per servizi prestati

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU