X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Revocabili le deleghe all’amministratore impreparato nella sicurezza sul lavoro

/ REDAZIONE

Mercoledì, 26 febbraio 2020

La Cassazione, nell’ordinanza n. 4954 depositata ieri, ha precisato che è legittima la revoca delle deleghe conferite all’amministratore che risulti poi non adeguatamente preparato rispetto alle esigenze derivanti dall’evoluzione della tecnologia e dalla sempre crescente complessità della normativa in materia di sicurezza sul lavoro; circostanze che rendono legittima una redistribuzione degli incarichi inerenti all’organo gestorio.

Si ricorda che, nelle società di capitali, la revoca delle deleghe conferite all’amministratore delegato, decisa dal CdA, deve essere assistita da giusta causa, sussistendo, in caso contrario, il diritto del revocato al risarcimento dei danni eventualmente patiti.

Ciò in applicazione analogica dell’art. 2383 comma 3 c.c., in tema di revoca degli amministratori da parte dell’assemblea; norma di cui ricorre la stessa ratio, in base alla quale, pur nella libertà di conseguimento degli interessi e degli obiettivi sociali, occorre, in assenza di giusta causa, tenere conto del sacrificio economico e sociale patito dall’amministratore revocato, tanto più quando le deleghe comportino un’attività amministrativa a termine, impegnativa e remunerata, suscettibile di valutazioni e considerazioni professionali in un ambito riconducibile al “mercato dei manager” (cfr. Cass. n. 7587/2016).

Non può ritenersi giusta causa di revoca dell’amministratore di società la mera ricorrenza di esigenze di auto-organizzazione della struttura societaria, ove la stessa non sia motivata da circostanze o fatti idonei ad influire negativamente sulla prosecuzione del rapporto e tali da elidere l’affidamento inizialmente riposto sulle attitudini e capacità dell’amministratore (cfr. Cass. n. 18182/2019).

A fronte di ciò, peraltro, deve considerarsi esistente la giusta causa di revoca quando viene in rilievo non già la mera esigenza organizzativa della società, ma la necessità di una profonda ristrutturazione dell’organico e delle funzioni specialistiche – specie nel campo della tecnologia e della normativa di sicurezza sul lavoro – che implicitamente cancella l’affidamento inizialmente riposto sulle attitudini dell’amministratore revocato, senza che ciò debba necessariamente manifestarsi in condotte di inadempimento da ascrivergli (cfr. Cass. n. 23381/2013).

TORNA SU