X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 aprile 2020 - Aggiornato alle 12.50

FISCO

Sempre inerenti gli interessi passivi sostenuti dalle società di capitali

La Corte di Cassazione ammette la deducibilità degli interessi passivi anche su un mutuo acceso per ripagare il debito di un’altra società

/ Salvatore SANNA

Venerdì, 28 febbraio 2020

Con l’ordinanza n. 5332, depositata ieri, la Cassazione ha confermato che gli interessi passivi sostenuti dai soggetti IRES sono sempre deducibili senza alcun giudizio sull’inerenza, anche se nei limiti della disciplina dettata dall’art. 96 del TUIR.
Quest’ultima disposizione, infatti, misura e indica le modalità del calcolo degli interessi passivi deducibili in via generale, senza che sia necessario operare alcun giudizio di inerenza.

Il caso analizzato dalla Suprema Corte riguarda gli interessi passivi contabilizzati in relazione a un mutuo acceso da una società a responsabilità limitata per ripianare la posizione debitoria di una società per azioni, società facente capo ai medesimi soci, a sua volta garantita con fideiussione dalla medesima srl.
Il principio di inerenza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU