X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 11 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Sismabonus solo con procedure autorizzatorie avviate dal 1° gennaio 2017

/ REDAZIONE

Mercoledì, 25 marzo 2020

x
STAMPA

Con riguardo al c.d. “Sismabonus acquisti” previsto dal comma 1-septies dell’art. 16 del DL 63/2013 la detrazione spettante agli acquirenti degli immobili compete soltanto se le procedure autorizzatorie sono state avviate dal 1° gennaio 2017.
Lo ha ribadito l’Agenzia delle Entrate nella risposta a interpello n. 93 di ieri, conformemente a quanto già precisato nelle circolari nn. 13/2019 e 7/2018, nonché nella risposta a interpello 10 ottobre 2019 n. 409.

Il comma 1-septies in commento prevede che qualora gli interventi antisismici di cui al comma 1-quater dello stesso art. 16 siano realizzati nei Comuni ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 ai sensi dell’OPCM 28 aprile 2006 n. 3519, da parte di imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare, mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, allo scopo di ridurne il rischio sismico, anche con variazione volumetrica rispetto all’edificio preesistente (ove le norme urbanistiche vigenti consentano tale aumento), agli acquirenti delle unità immobiliare spettano delle detrazioni dall’imposta nella misura del 75% o dell’85% a seconda che dagli interventi il rischio sismico si riduca di una o di due classi.

Alla conclusione secondo cui per fruire del c.d. “Sismabonus acquisti” le procedure autorizzatorie devono essere iniziate dopo il 1° gennaio 2017 si giunge per via del rinvio operato dal comma 1-septies agli interventi di cui al comma 1-quater che a sua volta richiama gli interventi di cui ai commi 1-bis e 1-ter dello stesso art. 16 del DL 63/2013.
Le detrazioni previste dal pacchetto Sismabonus dai commi da 1-bis a 1-septies del menzionato art. 16, quindi, non competono se, in relazione agli interventi antisismici realizzati, le procedure autorizzatorie sono state avviate precedentemente al 1° gennaio 2017.

In ogni caso, fa presente l’Agenzia, è possibile richiedere al Comune una certificazione dalla quale risulti la data di inizio della procedura autorizzatoria.

TORNA SU