X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 4 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Domanda di assegno ordinario COVID-19 da inviare al fondo d’iscrizione dell’azienda

Il decreto «Cura Italia» prevede un accesso semplificato al trattamento di integrazione salariale riconosciuto dai fondi bilaterali

/ Noemi SECCI

Giovedì, 16 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

In considerazione della situazione di crisi economica creatasi a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, le disposizioni contenute nel DL 18/2020 (decreto “Cura Italia”) costituiscono una deroga temporanea alle norme che regolamentano gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro.

Il DL 18/2020 introduce infatti una temporanea causale di richiesta d’integrazione salariale “Emergenza COVID-19 nazionale”, disponendo una specifica regolamentazione in tema di assegno ordinario erogato dai Fondi bilaterali e bilaterali alternativi (art. 19 del DL).
In particolare, il decreto prevede la concessione, per il periodo di durata dell’emergenza e sino a un massimo di 9 settimane, dell’assegno ordinario, a favore delle aziende coperte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU