X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 2 giugno 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Il comitato per la verifica delle regole del Protocollo anti contagio non entra nelle scelte aziendali

/ REDAZIONE

Martedì, 12 maggio 2020

x
STAMPA

Con l’approfondimento pubblicato ieri, la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro analizza il punto 13 del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro, condiviso fra il Governo e le parti sociali, in relazione all’eventuale inserimento dei sindacati sulle scelte delle misure di sicurezza da adottare sul luogo di lavoro.

Il citato punto 13 prevede, infatti, la costituzione in azienda di un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del Protocollo di regolamentazione, con la partecipazione delle rappresentanze sindacali aziendali e del responsabile dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

Nel caso in cui, per la particolare tipologia di impresa e per il sistema delle relazioni sindacali, non si desse luogo alla costituzione di comitati aziendali, verrà istituito un Comitato Territoriale composto dagli Organismi paritetici per la salute e la sicurezza, con il coinvolgimento degli RLST e dei rappresentanti delle parti sociali.
Infine, potranno essere costituiti, a livello territoriale o settoriale, comitati per le finalità del Protocollo, anche con il coinvolgimento delle autorità sanitarie locali e degli altri soggetti istituzionali coinvolti nelle iniziative per il contrasto della diffusione del virus COVID19.

Sul punto, la Fondazione prende una posizione ben precisa: tale previsione mira essenzialmente a promuovere la collaborazione e il dialogo tra diversi soggetti in una materia, come quella della sicurezza sul lavoro, molto delicata in questa fase di emergenza sanitaria; pertanto i diritti e gli oneri delle scelte aziendali rimangono in capo al datore di lavoro.
Inoltre, continua la Fondazione, non sussiste neppure l’obbligo di costituire rappresentanze sindacali in azienda, laddove esse non siano presenti.

TORNA SU