X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 15 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Molti i dubbi applicativi sulle ritenute negli appalti

Per Assonime l’applicabilità dell’art. 17-bis del DLgs. 241/97 avrebbe dovuto essere rinviata per permettere di adeguare i processi gestionali

/ Caterina MONTELEONE e Massimo NEGRO

Giovedì, 21 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare Assonime n. 9 pubblicata ieri analizza la disciplina introdotta con l’art. 17-bis del DLgs. 241/97 e si sofferma sui dubbi interpretativi rimasti o emersi a seguito dei chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate, in particolare con la circ. n. 1/2020.

Innanzitutto, Assonime ribadisce che l’applicabilità della norma avrebbe dovuto essere rinviata per permettere ai soggetti giuridici interessati di poter adeguare i processi gestionali e amministrativi ai nuovi adempimenti richiesti sia all’impresa appaltatrice che al committente. È altresì critica in relazione alla scelta di non includere le attività previste per i committenti dall’art. 17-bis del DLgs. 241/97 tra quelle che, in considerazione dell’emergenza da coronavirus, sono state sospese. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU