X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 26 febbraio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sovrapprezzo compreso nell’aumento di capitale massimo agevolabile

Potrebbero ritenersi agevolabili gli aumenti di capitale mediante conversione di crediti vantati da parte dei soci e da terzi

/ Marco PEZZETTA

Martedì, 30 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il Ministro dell’Economia disciplinerà criteri e modalità di applicazione e di fruizione del credito d’imposta spettante ai sensi dell’art. 26 del DL 34/2020 (rafforzamento delle imprese di medie dimensioni). Nelle more di detto decreto e della conversione, si evidenziano alcuni aspetti che potrebbero essere oggetto di chiarimento.

Gli aumenti di capitale sociale in parola devono essere a pagamento. Almeno due riferimenti letterali potrebbero far ritenere che, oltre agli aumenti gratuiti, siano esclusi gli aumenti da liberarsi in natura. Il primo (art. 26 comma 1 lett. c) impone che l’aumento debba essere integralmente “versato” entro il 31 dicembre 2020. Il secondo riferimento, al comma 5, che, nel fissare il tetto massimo dell’aumento agevolabile, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU