X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 1 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Niente sostitutiva per i pensionati esteri ai cittadini italiani mai iscritti all’AIRE

L’Agenzia ha fornito chiarimenti sul regime opzionale disciplinato dall’art. 24-ter del TUIR

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Sabato, 18 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La circolare n. 21 di ieri, 17 luglio 2020, ha analizzato il regime opzionale di imposizione sostitutiva del 7% per le persone fisiche titolari di redditi da pensione di fonte estera che trasferiscono la propria residenza fiscale nei piccoli Comuni del Mezzogiorno (nonché nei Comuni rientranti tra quelli colpiti da eventi sismici e indicati negli allegati 1, 2 e 2-bis del DL 189/2016), disciplinato dall’art. 24-ter del TUIR.

L’Agenzia delle Entrate precisa, in primo luogo, che possono accedere al beneficio i soggetti titolari di trattamenti pensionistici di ogni genere e di assegni a essi equiparati erogati da soggetti esteri; sono, quindi, esclusi i soggetti non residenti che percepiscono redditi erogati da un istituto di previdenza residente in Italia (già con risposta a interpello

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU