X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Il rinvio dei secondi acconti 2020 per i soggetti ISA è una provocazione

Giovedì, 13 agosto 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
il Governo sta mostrando nei confronti di noi commercialisti un atteggiamento prima offensivo e ora irridente. Lo spostamento (a determinate condizioni) dei secondi acconti 2020 per i soggetti ISA è chiaramente una provocazione nei confronti della nostra categoria.

Ovviamente la scadenza da rinviare è quella del 20 agosto che ha messo in ginocchio gli studi ROVINANDO LETTERALMENTE LA VITA (professionale ed extra-professionale) a me e a molti colleghi. Personalmente sto meditando di lasciare questo lavoro. Non si può continuare così.

Che dire poi del rinvio delle scadenze della riscossione coattiva: un’idea fantastica... tanto chi di solito arriva in cartella spesso non paga, né ora, né dopo.

Basta chiedere le proroghe, come l’elemosina. In un mondo civile le scadenze andrebbero concordate con la nostra categoria consultandoci preventivamente... invece sempre con il cappello in mano...
Svegliamoci!


Paolo Alloisio
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Alessandria

TORNA SU