X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Reverse charge incerto per il soggetto non stabilito che acquista rottami

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Sabato, 18 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nelle ipotesi in cui un’operazione assuma rilevanza ai fini IVA nel territorio dello Stato e sia posta in essere tra operatori economici non stabiliti in Italia (ossia soggetti non residenti e privi di stabile organizzazione nel territorio dello Stato), è necessario individuare chi tra di essi risulti tenuto ad adempiere agli obblighi fiscali derivanti dalla cessione di beni o prestazione di servizi effettuata.

In proposito, l’art. 17 comma 3 del DPR 633/72 prevede che nel caso in cui gli obblighi o i diritti derivanti dalla applicazione delle norme in materia di IVA siano a carico ovvero a favore di soggetti non residenti e senza stabile organizzazione nel territorio dello Stato, i medesimi sono adempiuti o esercitati, nei modi ordinari, dagli stessi soggetti:
- direttamente, previa ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU