X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 gennaio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Furto aggravato per il dipendente che sottrae il know how

La Cassazione si sofferma sulla distinzione tra furto e appropriazione indebita

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 26 novembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sottrazione di dati informatici contenenti il know how di una società da parte di un dipendente integra la condotta di furto aggravato, punibile con la reclusione e con la multa.

La Cassazione, nella sentenza n. 33105 depositata ieri, ripercorre i confini tra la condotta di furto (artt. 624 c.p.) e quella di appropriazione indebita (art. 646 c.p.) in un caso in cui alla sottrazione di alcuni compact disc erano seguite le improvvise dimissioni di una dipendente e il conseguente avviamento di una nuova attività societaria avente l’identico, peculiare e molto specialistico oggetto sociale, nel settore della predisposizione di piani di dieta individuale.

I programmi informatici (consistenti in un software e in un elenco di dati anagrafici) erano contenuti in una cassaforte chiusa la cui ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU