X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Escluso il sequestro se manca il pericolo di nuovi reati

Le contromisure assunte dopo il falso in bilancio salvano i beni della società

/ Maria Francesca ARTUSI

Mercoledì, 9 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per il sequestro penale non è sufficiente il fondato sospetto della commissione del reato (fumus commissi delicti), ma è necessario anche il pericolo che la libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa aggravare o protrarre le conseguenze di esso ovvero agevolare la commissione di altri reati (periculum in mora).
Su queste basi, la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 22317 depositata ieri, ha negato la necessità di un sequestro sul capitale sociale e sui beni costituiti in azienda di una società per azioni, a seguito della contestazione di reati societari e tributari agli amministratori della stessa.

La particolarità del caso di specie attiene al fatto che non viene esclusa la sussistenza degli illeciti, ma solo il presupposto del sequestro costituito dal citato “periculum ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU