X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 28 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Imponibili in Italia gli interessi pagati alla banca estera

/ REDAZIONE

Giovedì, 22 luglio 2021

x
STAMPA

La risposta a interpello n. 500 di ieri, 21 luglio 2021, ha chiarito che gli interessi corrisposti dalla clientela italiana a un istituto di credito non residente sono assoggettati a tassazione in Italia, pur se i clienti utilizzano i prestiti per investire in altre attività finanziarie o in immobili all’estero.

Opera, infatti, anche in questo caso il principio generale stabilito dall’art. 23 comma 1 lettera b) del TUIR (richiamato dall’art. 151 comma 2 per le società), per cui gli interessi sono imponibili in capo ai non residenti se corrisposti dallo Stato italiano o da soggetti residenti in Italia; l’impiego del capitale (operato dalla banca estera) avviene, inoltre, in Italia, a seguito della concessione dei prestiti.

Viene altresì confermato il principio per cui, in assenza di ritenute a titolo d’imposta (le controparti sono, infatti, persone fisiche non imprenditori), la società estera è tenuta a presentare la dichiarazione in Italia, inserendo i proventi nel quadro RL.

TORNA SU