X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / TUTELA DEL PATRIMONIO

Maggiorazione IRES dubbia per holding con partecipazioni solo in SGR o in SIM

La definizione valida ai fini fiscali deve essere coordinata con l’inquadramento di un soggetto tra gli intermediari finanziari

/ Stefania BARSALINI

Venerdì, 10 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le definizioni previste dall’art. 162-bis del TUIR di: “intermediari finanziari”, di “società di partecipazione finanziaria” e di “società di partecipazione non finanziaria”, valide ai fini delle imposte sui redditi, dell’IRAP, nonché ai fini dell’addizionale IRES delle banche e altri intermediari finanziari (cfr. art. 1 comma 65 della L. 208/2015), consentono applicare correttamente le disposizione del TUIR e di risolvere diverse problematiche di natura extrafiscale.

Anche per determinare il corretto trattamento fiscale in capo ad una holding che detiene in via prevalente o esclusiva partecipazioni in società di gestione del risparmio o in società di intermediazione mobiliare occorre dunque rifarsi all’art. 162-bis del TUIR, che come

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU