X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 novembre 2021

IL CASO DEL GIORNO

Omesso acconto IRPEF 2017 al test delle comunicazioni di irregolarità

/ Luca FORNERO

Martedì, 5 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Agenzia delle Entrate sta inviando gli avvisi bonari relativi agli omessi o insufficienti versamenti dell’acconto IRPEF 2017 dovuti alla mancata introduzione dell’IRI, qualora gli importi riportati nel prospetto “Rideterminazione dell’acconto” del quadro RS del modello REDDITI 2018 non siano coerenti con i pagamenti eventualmente eseguiti.

Come si ricorderà, l’art. 55-bis del TUIR (inserito dall’art. 1 comma 547 lett. b) della L. 232/2016) aveva previsto l’introduzione dell’imposta sul reddito d’impresa (c.d. “IRI”), originariamente dal 2017 e poi, per effetto della proroga prevista dall’art. 1 comma 1063 della L. 205/2017 (legge di bilancio 2018), dal 2018.
Tuttavia, il citato art. 55-bis del TUIR è stato abrogato ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU