ACCEDI
Mercoledì, 28 febbraio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Non è indipendente il revisore familiare del consulente della società

Il Tribunale di Milano sottolinea come l’indipendenza debba essere anche «apparente»

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 12 settembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il sindaco-revisore di una srl è privo della necessaria indipendenza se lo studio professionale incaricato dalla società per la consulenza fiscale e la tenuta della contabilità vede il figlio come principale associato. Di conseguenza, la nomina è nulla e non gli spetta alcun compenso.
Ad affermarlo è il Tribunale di Milano nel provvedimento del 16 giugno 2022.

Nel caso di specie, il presidente del Collegio sindacale, con funzione anche di revisione legale, di una srl fallita chiedeva l’ammissione allo stato passivo di quanto ancora dovutogli per lo svolgimento delle attività di controllo espletate. Il curatore del fallimento rigettava la richiesta rilevando come la srl avesse un contratto di consulenza fiscale e tenuta della contabilità con lo studio professionale che portava il suo cognome,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU