ACCEDI
Mercoledì, 24 aprile 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Rischi elevati per gli amministratori anche in assenza di deleghe

Il Tribunale di Bologna analizza alcuni aspetti della responsabilità degli amministratori non esecutivi

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 26 maggio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

È la posizione degli amministratori privi di deleghe uno dei profili presi in esame dalla sentenza n. 165/2023 del Tribunale di Bologna.
In via generale, si osserva come la delibera di nomina dell’amministratore sia un atto negoziale proprio dei soci, che presuppone l’instaurazione di un rapporto contrattuale con il futuro amministratore e che ha come oggetto la sua mera nomina. Rispetto a essa, la presenza dell’amministratore o la sua accettazione non sono elementi necessari a integrarne la validità, in quanto la delibera si perfeziona semplicemente con il voto favorevole dei soci secondo legge o statuto.
L’accettazione, quindi, è un atto negoziale distinto dalla nomina, ma necessario per perfezionare l’efficacia della stessa. Tuttavia, tale accettazione non richiede

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU