ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Se la risposta all’interpello non dà la soluzione definitiva si applica la tesi del contribuente

La C.G.T. I Oristano attua il nuovo art. 11 della L. 212/2000

/ Alice BOANO

Mercoledì, 24 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta interlocutoria a una istanza di interpello equivale al “silenzio assenso” e, pertanto, gli atti difformi dalla risposta tacita devono essere annullati. È questa l’impostazione fatta propria dalla C.G.T. I Oristano 25 marzo 2024 n. 46/2/24.

Nel caso di specie un contribuente impugnava il silenzio rifiuto formatosi in relazione a una richiesta di rimborso. All’origine vi era una richiesta di riconoscimento di un credito di imposta per gli investimenti effettuati nel Mezzogiorno ai sensi dell’art. 1 commi 98-108 della L. n. 208/2015.

La società, che riteneva il credito d’imposta spettante nella misura del 40%, aveva presentato istanza di interpello all’Agenzia delle Entrate e, circa tre mesi dopo, riceveva una risposta “provvisoria”:

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU