X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 18 febbraio 2019 - Aggiornato alle 6.00

Lavoro & Previdenza

Professionisti iscritti alle Casse private senza «pace contributiva»

La misura interessa i soggetti con accrediti contributivi alle gestioni INPS successivi al 1° gennaio 1996

/ Alida CIMAROSTI

Sabato, 19 gennaio 2019

Il decreto legge contenente le attese disposizioni relative all’introduzione del reddito di cittadinanza e del pensionamento anticipato “quota 100”, approvato dal Consiglio dei Ministri il 17 gennaio, contiene anche una disposizione riguardante la c.d. “pace contributiva”. Questa misura, forse meno nota rispetto alle altre contenuto nel decreto, merita un doveroso approfondimento viste le prevedibili importanti ricadute che avrà e la potenziale platea di interessati.

Ferme le facoltà di riscatto previste da specifiche disposizioni di legge (servizio militare, laurea, ecc.: al riguardo, si segnala che il decreto prevede anche il riscatto agevolato del periodo di laurea entro i 45 anni), la pace contributiva consiste nella facoltà di riscattare con un limite massimo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU