X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 21 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Accordi tra Procura, Agenzia e GdF per una migliore gestione dei reati tributari

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 14 marzo 2019

I rapporti tra procedimento tributario e procedimento penale sono complessi e spesso contraddittori.
Un elemento che ha reso ancor più urgente l’esigenza di coordinamento è rappresentato dalla causa di non punibilità connessa al pagamento del debito tributario, introdotta dal DLgs. 158/2015 nell’art. 13 del DLgs. 74/2000.

Al di là delle numerose questioni di carattere interpretativo rispetto all’applicabilità temporale della causa di non punibilità, ai rapporti con la rateazione del debito, ecc., un aspetto molto pratico ma centrale riguarda la comunicazione tra enti tributari e procure rispetto all’avvenuto pagamento.

Il problema era già stato sollevato nella fase di prima applicazione della nuova normativa: immaginando, ad esempio, l’invio da parte dell’Agenzia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU