X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Riqualificazione degli sconti di cassa per l’IRAP

/ Giosuè MANGUSO

Mercoledì, 19 giugno 2019

È prassi diffusa dell’Agenzia delle Entrate verificare gli sconti di cassa concessi nel settore della distribuzione di beni di largo consumo (es: elettrodomestici), sollevando rilievi sulla natura commerciale degli oneri in questione, contestandone la classificazione contabile (a diretta riduzione del valore dei ricavi di vendita) e riqualificandoli come sconti passivi finanziari (da contabilizzare nell’area finanziaria del Conto economico), che, come tali, non sono ammessi in deduzione ai fini IRAP. L’eventuale riqualificazione finanziaria degli sconti di cassa non può comunque essere integrale, trovando la stessa un limite nell’onere finanziario che sarebbe stato sopportato dall’impresa cedente, applicando il tasso di interesse di mercato, per ovviare alla mancanza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU