X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 29 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

I sindacati dei commercialisti revocano lo sciopero

Il Governo ha promesso sia la moratoria sui versamenti che l’istituzione dei tavoli di confronto. Le associazioni fanno un passo indietro

/ Savino GALLO

Venerdì, 11 settembre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Lo sciopero dei commercialisti, in programma dal 15 al 22 settembre prossimi, non si farà più. L’incontro di ieri mattina al MEF, l’ultimo di una fitta serie di interlocuzioni tenutesi negli ultimi giorni, ha convinto le 9 associazioni sindacali che lo avevano proclamato (ADC- AIDC – ANC- ANDOC – FIDDOC – SIC – UNAFRACO – UNGDCEC – UNICO) al passo indietro.

Ieri, ad accogliere i commercialisti in via XX Settembre, c’era praticamente tutto lo stato maggiore dell’Amministrazione Finanziaria, dai Sottosegretari Villarosa e Guerra al Viceministro Misiani, passando per il Direttore delle Entrate Ruffini e la Direttrice generale delle Finanze Lapecorella.

Unico assente il Ministro Gualtieri, che però in una nota diffusa dal MEF, in cui si mettono nero su bianco gli impegni presi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU