Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 4 dicembre 2022

LETTERE

Dovremmo ribellarci a questo costante studio di codici e linguaggi informatici

Sabato, 1 ottobre 2022

x
STAMPA

Spettabile Redazione,
colgo lo spunto dal vostro recente articolo sull’obbligo di fatturazione elettronica per i soggetti forfetari.
L’autore dell’articolo, molto chiaro nella spiegazione delle novità, inconsciamente utilizza un linguaggio da programmatori informatici; non è colpa sua.

La mia è una constatazione di come noi Professionisti ci siamo lentamente abituati e adattati alle modalità di comunicazione con i vari enti pubblici, in particolare con l’Agenzia delle Entrate.

Nonostante la mia non giovane età mi considero “nativo digitale” perché i personal computer sono nati proprio a cavallo tra la fine dei miei studi e l’inizio dell’attività lavorativa. Eppure ho sempre più difficoltà ad accettare questo modus operandi: anziché essere i software a semplificarci il lavoro, siamo noi che costantemente dobbiamo imparare codici e linguaggi informatici (xbrl, xml, campo, file, codice errore, tipo record).

Pensiamo se i videogiochi avessero questa modalità: giocheremmo ancora con i flipper nei bar.
Dunque il mio invito a una civile ribellione contro questo regresso, che ci prostra mentalmente e fisicamente, spostando il nostro studio dalle normative alle prassi tecnologiche.


Alberto Cobelli
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Brescia

TORNA SU