Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 5 dicembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Antisindacale l’uso distorto del datore della sua libertà negoziale

/ Elisa TOMBARI

Giovedì, 24 novembre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 28 della L. 300/1970 (c.d. “Statuto dei lavoratori”) ha previsto uno strumento per la repressione della condotta antisindacale posta in essere dal datore di lavoro. Ai sensi dell’art. 28, sono antisindacali tutti i comportamenti del datore di lavoro che impediscono o limitano l’esercizio della libertà e dell’attività sindacale o che ostacolano il libero esercizio del diritto di sciopero, intendendosi per “comportamenti” sia atti giuridici che condotte materiali (come ad esempio minacce o intimidazioni), anche omissive.

La fattispecie prevista dall’art. 28 presenta una struttura “aperta”, in quanto il legislatore ha deliberatamente scelto di non determinare a priori i caratteri strutturali della fattispecie, che viene tipizzata

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU