ACCEDI
Mercoledì, 29 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

L’informativa del curatore allerta il pubblico ministero

Possono essere sollecitate attività investigative e iniziative cautelari per impedire la dispersione di asset

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 25 aprile 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai sensi dell’art. 33 del RD 267/42 il curatore doveva presentare, entro sessanta giorni dalla dichiarazione di fallimento, la propria relazione, focalizzando l’attenzione sulle cause del dissesto, sulle responsabilità gestorie e su ciò che poteva rilevare ai fini delle indagini penali.
Tale documento rappresentava la pietra miliare della procedura; infatti, la qualità delle informazioni era decisiva sia sotto l’aspetto civilistico (per l’esercizio di azioni revocatorie, recuperatorie e risarcitorie), sia per eventuali profili penali (con segnalazioni che potevano potenzialmente configurare fattispecie di reati).

L’individuazione dei suddetti aspetti richiedeva approfondimenti spesso incompatibili con il breve termine di sessanta giorni, anche nella considerazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU