ACCEDI
Mercoledì, 19 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Sulla riforma della legge ordinamentale i sindacati chiedono più condivisione

Tempo fino al 30 maggio per inviare eventuali osservazioni sulle modifiche al DLgs. 139/2005. L’11 e 12 giugno a Roma assemblea speciale sul tema

/ Savino GALLO

Martedì, 21 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ci sarà tempo fino al prossimo 30 maggio per inviare al Consiglio nazionale dei commercialisti le osservazioni sulla bozza di riforma del DLgs. 139/2005, che lo stesso CNDCEC ha inviato ai 132 Ordini territoriali e alle associazioni sindacali lo scorso 9 maggio. Un termine un po’ più lungo rispetto alla pubblica consultazione avviata per il rinnovo del codice deontologico (21 giorni contro i 14 concessi tra fine febbraio e inizio marzo), ma che i sindacati ritengono comunque insufficiente per poter analizzare a fondo il testo e inviare le relative proposte di modifica.

Per questo, lo scorso 17 maggio, cinque associazioni (ADC, AIDC, ANC, ANDOC e UNICO) hanno inviato una lettera congiunta al CNDCEC, denunciando anche un problema di metodo. Pur condividendo la necessità di riformare la legge

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU