ACCEDI
Venerdì, 19 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Il Codice della crisi non definisce la natura della revocatoria

L’orientamento giurisprudenziale oscilla tra la teoria indennitaria e quella redistributiva

/ Saverio MANCINELLI

Giovedì, 30 maggio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La revocatoria ex art. 166 del DLgs. 14/2019 (CCII), che per distinguere dalla revocatoria ordinaria definiremo “concorsuale”, ha la finalità del recupero di beni e diritti (con incremento dell’attivo) o dell’esclusione di crediti e diritti (con conseguente riduzione del passivo), rendendo inefficaci atti e pagamenti compiuti o garanzie concesse dal debitore in pregiudizio ai creditori nel periodo di incubazione dell’insolvenza. Tale periodo, anche definito “sospetto”, viene individuato dal giorno di deposito della domanda cui è seguita l’apertura della liquidazione giudiziale e in un range temporale anteriore a tale data che va da sei mesi a un anno, a seconda della tipologia di atto.

L’azione fonda il suo presupposto soggettivo nella scientia ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU