X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Tremonti-ter e imprese in perdita: riflessi sugli acconti 2010

/ Pamela ALBERTI

Lunedì, 24 maggio 2010

x
STAMPA

Il risultato negativo dell’esercizio 2009 non ferma l’applicabilità della Tremonti-ter. Infatti, secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate, nella circolare 27 ottobre 2009 n. 44, la riduzione dell’imponibile da assoggettare a tassazione concorre a determinare il risultato reddituale anche nel caso in cui si consegua una perdita.
Ove l’agevolazione operi in presenza di una perdita d’esercizio, salta all’occhio la necessità di versare imposte a titolo di acconti che, in assenza dell’obbligo di “depurare” dall’effetto dell’agevolazione la base imponibile su cui commisurare gli acconti, non si dovrebbero neppure versare.

La detassazione per gli investimenti effettuati in beni della divisione 28 della Tabella Ateco 2007 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU