X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 28 marzo 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Chiusura dei conti in capo alla «scissa parziale»

/ Enrico ZANETTI

Mercoledì, 6 ottobre 2010

La rilevazione contabile della scissione parziale nelle scritture della società scissa deve avere luogo in corrispondenza della data in cui l’operazione esplica i propri effetti contabili, la quale coincide inevitabilmente con quella di efficacia giuridica dell’operazione, essendo ammessa l’ipotesi di retrodatazione degli effetti contabili e fiscali solo in ipotesi di scissione totale.

Prima di procedere alla rilevazione contabile dello “scarico” del patrimonio scisso, la società scissa deve però procedere ad una serie di scritture di assestamento aventi la medesima natura e finalità di quelle di integrazione e rettifica che ogni anno vengono effettuate con riferimento alla data di chiusura dell’esercizio, prima della chiusura dei relativi conti.
Infatti, nonostante ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU