X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Liquidazione della quota di sas all’erede con tassazione separata

/ Salvatore SANNA

Sabato, 10 novembre 2012

x
STAMPA

download PDF download PDF

La liquidazione della quota di una società in accomandita semplice a favore dell’erede del socio defunto presenta diversi profili fiscali che vale la pena analizzare: in primo luogo, occorre distinguere tra la quota del socio accomandatario e quella del socio accomandante.

In caso di morte del socio accomandante, si applica l’art. 2322 c.c., il quale, in deroga alla disciplina generale, stabilisce che “la quota di partecipazione del socio accomandante è trasmissibile per causa di morte”. Ciò significa che, nel silenzio del contratto sociale, l’erede dell’accomandante subentra – una volta accettata l’eredità – automaticamente, a prescindere dal consenso proprio e dei soci superstiti.

In tale circostanza, non si origina direttamente il diritto alla liquidazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU