X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

È reato ostacolare i controlli della COVISOC

Anche la Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio svolge funzioni pubblicistiche che, se ostacolate, portano al reato di cui all’art. 2638 c.c.

/ Maurizio MEOLI

Martedì, 9 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

È suscettibile di integrare la fattispecie di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza anche l’intralcio all’attività posta in essere dalla Commissione di Vigilanza sulla Società di Calcio professionistiche (Co.Vi.So.C.), soggetto che presenta natura pubblicistica sia quando abbia compiti di verifica della destinazione e dell’utilizzo di fondi pubblici provenienti dal CONI, sia quando assolve ai compiti di verifica dei bilanci delle società di calcio iscritte o iscrivende a campionati professionistici.

Sono queste le indicazioni che emergono dalla lettura della sentenza 27 giugno 2013 n. 28164 della Corte di Cassazione.
Il CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) è ente di diritto pubblico ai sensi del DLgs. 23 luglio 1999 n. 242. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU