X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Anche per i beni immateriali «fuori» dal ciclo produttivo, costo residuo deducibile

L’art. 102 del TUIR, seppur riferito ai soli beni materiali, dovrebbe costituire una norma di sistema valida per disciplinare fattispecie similari

/ Luca MIELE

Lunedì, 15 luglio 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il regime fiscale dell’eliminazione dei cespiti non ancora ammortizzati dal ciclo produttivo è piuttosto pacifico se guardiamo alle immobilizzazioni materiali; diventa invece meno certo se l’interesse si sposta su quelle immateriali.

Va, in primo luogo, osservato che l’art. 102, comma 4 del TUIR concerne l’eliminazione dal complesso produttivo dei soli beni materiali sancendo la deducibilità fiscale del costo residuo.
Il successivo art. 103, invece, non reca alcun riferimento alla analoga fattispecie per i beni immateriali generando, così, il dubbio che non sia legittimo dedurre la svalutazione integrale del costo residuo del bene non ancora ammortizzato. Peraltro, va osservato che le immobilizzazioni immateriali sono disciplinate non solo nell’art. 103, che si riferisce ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU