X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

FISCO

Non è abuso del diritto dichiarare molto poco rispetto al reddito presunto

Per la Cassazione tale fattispecie è riportabile, se fondata, in un’ipotesi di evasione realizzata mediante dichiarazione infedele

/ Alberto MARCHESELLI

Giovedì, 1 agosto 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza 33184/2013 della Cassazione si occupa, tra le altre cose, della rilevanza penale dell’abuso del diritto ed è sintomatica delle incertezze che stanno percorrendo la giurisprudenza penale di merito, dopo la sentenza “Dolce e Gabbana” (Cass. 28 febbraio 2012 n. 7739).

Come noto, tale sentenza, emessa in sede ricorso contro un provvedimento in tema di sequestro, ha affermato il principio di diritto secondo il quale anche condotte elusive potrebbero integrare il delitto di dichiarazione infedele o dichiarazione omessa, a condizione che il contribuente abbia posto in essere una condotta rientrante nelle ipotesi di elusione c.d. codificata (art. 37-bis del DPR 600/1973) e che sia rigorosamente accertato il dolo.

Si tratta di decisione fortissimamente avversata da pressoché ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU