X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il redditometro, in sé, non basta a fornire la prova contro il contribuente

Confermato l’orientamento dei giudici di legittimità, in base al quale tale strumento è un esempio di accertamento standardizzato

/ Alberto MARCHESELLI

Mercoledì, 25 settembre 2013

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza 146/1/13 della C.T. Prov. di Bari costituisce un esempio di applicazione coerente con i principi e la giurisprudenza più attuale della Corte di Cassazione in materia di redditometro.

Il fatto era semplice: il contribuente, pensionato e coniugato con una pensionata, risultava in possesso (nel 2008) di un’autovettura di 20 cavalli fiscali immatricolata nel 2003 e di una seconda casa di 40 mq. Per questo motivo non era congruo rispetto ai dati del redditometro. Invitato a fornire chiarimenti in contraddittorio, egli allegava che la moglie contribuiva con la sua pensione alle spese e che disponeva di titoli di credito, depositati in banca e tassati con ritenuta alla fonte, per un importo più che congruo al reddito accertato.

L’Ufficio emetteva comunque l’accertamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU