Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Responsabilità 231 anche senza vantaggi

La precisazione resa dalla Suprema Corte al contempo restringe la portata del profitto assoggettabile a confisca

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 5 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per configurare la responsabilità dell’ente ex DLgs. 231/2001 è sufficiente che la condotta dell’autore del reato presupposto tenda oggettivamente e concretamente a realizzare, nella prospettiva del soggetto collettivo, anche l’interesse di quest’ultimo (indipendentemente dal conseguimento di un vantaggio). Il profitto confiscabile, ex art. 19 del DLgs. 231/2001, deve corrispondere ad un mutamentomateriale”, “attuale” e “di segno positivo” della situazione patrimoniale del suo beneficiario, determinato dal reato attraverso la creazione, la trasformazione o l’acquisizione di cose suscettibili di valutazione economica.
Sono queste le principali precisazioni rese dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 10265 di ieri.

Ai sensi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU