X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 21 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Dal 22 febbraio maggiorazione delle sanzioni per il lavoro irregolare

Con la circ. 5/2014 vengono illustrate le modalità applicative delle misure contenute nel decreto «Destinazione Italia» dopo la conversione in legge

/ Luca MAMONE

Mercoledì, 5 marzo 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come è noto, in sede di conversione del DL 145/2013 (c.d. decreto “Destinazione Italia”) con la L. 9/2014, il legislatore ha riscritto l’art. 14 del citato decreto, apportando modifiche alle disposizioni per il contrasto del lavoro sommerso e irregolare, con cui sono previste forti maggiorazioni degli importi sanzionatori.

In relazione a ciò, si segnala tuttavia che la L. 9/2014 dispone una “attenuazione” della maggiorazione applicata agli importi sanzionatori per violazione delle disposizioni in materia di tempi di lavoro, prevedendo ora una duplicazione e non più la decuplicazione prevista nel testo originale del decreto.

In relazione a questa ed ad altre modifiche introdotte dalla L. 9/2014, il Ministero del Lavoro ha fornito, con la circ. n. 5 di ieri, 4 marzo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU