X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Sui costi per l’associante Cassazione severa

In mancanza di pagamento il costo si considera inesistente e quindi non deducibile

/ Alessandro COTTO

Venerdì, 23 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza della Corte di Cassazione depositata il 14 maggio (10472/2014) affronta il tema della deducibilità degli utili corrisposti all’associato in partecipazione.
Probabilmente influenzata dal merito della vicenda (che peraltro non emerge chiaramente dalla lettura della sentenza) la Corte perviene a conclusioni che suscitano forti perplessità in quanto risultano in contrasto con il tenore letterale delle norme del TUIR.

Prima di analizzare il contenuto della decisione, occorre ricordare che ai sensi dell’art. 95 comma 6 del TUIR la partecipazione agli utili spettante all’associato in partecipazione che apporta solo opere e servizi è deducibile in capo all’associante:
- secondo il principio di competenza;
- a prescindere dall’eventuale imputazione a Conto economico.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU