Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 1 luglio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Omessi versamenti in cerca di coerenza

La Cassazione continua a fornire risposte contrastanti sulla possibilità di attribuire efficacia esimente alle situazioni di mancanza di liquidità

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 23 maggio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

In materia di rilevanza penale tributaria degli omessi versamenti a fronte di gravi situazioni di mancanza di liquidità, la Corte di Cassazione continua a fornire soluzioni contrastanti, rendendo sempre più opportuno, se non necessario, un intervento delle Sezioni Unite.

Questa volta la “fortuna” ha sorriso all’imputato, dal momento che la decisione di merito assolutoria, impugnata dal competente Procuratore Generale, ha trovato conferma in sede di legittimità nella sentenza 22 maggio 2014 n. 20777.
L’amministratore unico di una srl non versava, entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale di sostituto d’imposta, ritenute risultanti dalla certificazione rilasciata ai sostituiti, e relative a tre mensilità del periodo d’imposta ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU