ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Legittima l’esclusione dalle gare d’appalto per mancanza del DURC

La normativa italiana in materia è compatibile con il diritto comunitario

/ Francesca TOSCO

Martedì, 15 luglio 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa italiana che, nei procedimenti per l’affidamento degli appalti pubblici, obbliga l’amministrazione aggiudicatrice ad escludere il concorrente responsabile di un’infrazione in materia di versamento di contributi previdenziali, qualora lo scostamento tra le somme dovute e quelle versate sia superiore al 5% e, al contempo, di importo superiore a 100 euro, è legittima e compatibile con il diritto comunitario. Lo ha deciso la Corte di Giustizia europea con la sentenza n. C-358/2012 del 10 luglio 2014.

Il tema in discussione risulta essere, nuovamente, quello della vincolatività della disciplina previdenziale ed, in particolare, della disciplina del DURC nelle gare d’appalto.
Nell’ambito del diritto italiano – premesso che, negli appalti pubblici, la regolarità ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU