Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 9 giugno 2023 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per la bancarotta patrimoniale basta rappresentarsi il pericolo per i creditori

Oggetto del dolo non è la consapevolezza del dissesto ma la rappresentazione della pericolosità della condotta per la garanzia patrimoniale

/ Maurizio MEOLI

Venerdì, 3 ottobre 2014

x
STAMPA

download PDF download PDF

La bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216 comma 1 del RD 267/42) è reato di pericolo rispetto alla conservazione della garanzia patrimoniale e per la conseguente tutela dei creditori; pericolo che deve essere oggetto di rappresentazione da parte del soggetto agente. A precisarlo è la sentenza n. 40981 della Cassazione depositata ieri.

Innanzitutto, trova ennesima conferma il rigetto della soluzione adottata da Cassazione n. 47502/2012, secondo la quale nella bancarotta fraudolenta patrimoniale lo stato di insolvenza che dà luogo al fallimento costituisce elemento essenziale del reato, in qualità di evento dello stesso, e pertanto deve porsi in rapporto causale con la condotta dell’agente e deve essere altresì sorretto dall’elemento soggettivo del dolo. In realtà – osserva ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU