Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 18 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Concordato non sempre revocato per pagamenti non autorizzati

Occorre accertare frode e pregiudizio per la realizzazione della proposta concordataria

/ Alfonso BADINI CONFALONIERI

Giovedì, 10 marzo 2016

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 3324/2016 la Cassazione esprime il principio che “i pagamenti eseguiti dall’imprenditore ammesso al concordato preventivo in difetto di autorizzazione del giudice delegato non comportano l’automatica revoca” della procedura ex art. 173 u.c. L. fall., poiché questa “consegue solo all’accertamento, che va compiuto dal giudice di merito, che tali pagamenti sono diretti a frodare le ragioni dei creditori, in quanto pregiudicano le possibilità di adempimento della proposta formulata con la domanda di concordato”.

Nel caso di specie, la Corte censura la sentenza di merito anzitutto per non aver distinto se i debiti pagati fossero sorti prima o dopo l’inizio della procedura. In proposito, ricorda che i debiti posteriori alla domanda ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU